Passaggio a Nord Ovest e a Nord Est

Leggi l'articolo

La ricerca del passaggio a Nord Ovest e del passaggio a Nord Est

Nel corso del Cinquecento la rotta atlantica per le Indie orientali scoperta da Magellano si mostrò più ardua di quella che passava per il Capo di Buona Speranza, cosa che spinse alla ricerca di altre vie marittime più brevi e agevoli che unissero l'Asia Orientale e l'Europa, passando a Nord dell'America o della stessa Europa. Si trattava della "ricerca del passaggio di Nord Ovest" e della "ricerca del passaggio di Nord Est".

Ricerche, queste, in cui si impegnarono anche la Francia e l'Inghilterra, che iniziarono ad avere forti interessi nell'Atlantico Settentrionale.

Terminati senza successo i tentativi di Giovanni e Sebastiano Caboto di trovare il passaggio a Nord Ovest, riprovò, anche in questo caso fallendo, Giovanni da Verrazzano, nel 1524 compiedo però precisi rilevamenti delle coste nord orientali degli attuali Stati Uniti.

Proseguì il loro lavoro l'inglese Sir Martin Frobisher il quale, dopo aver costeggiato la Groenlandia meridionale, scoprì la baia che porta il suo nome (1576 – 1578). Fu poi il turno di un altro inglese, John Davis, che scoprì il gruppo di isole dette Falkland. Nel 1610 Henry Hudson scoprì la grande baia canadese.

Fu poi la volta di William Baffin che cercò l'introvabile passaggio a Nord Ovest, scoprendo invece la baia chiamata col suo nome, e di Jacques Sartier che esplorò Terranova, la baia e il fiume San Lorenzo e le coste meridionali del Labrador.

Si cercò contemporaneamente il passaggio a Nord Est: i primi tentativi furono promossi dalla Compagnia inglese della Moscovia e organizzati da Sebastiano Caboto. Partirono Hugh Willoughby e Richard Chancellor, che spinsero fino al Mar Bianco, Steven Borough, che raggiunse l'isola di Vajgac, e Willem Barents, che arrivò fino alle isole Spitzbergen Ci provò anche Hudson, ma venne bloccato dai chiacci.

Nel corso della ricerca di questi passaggi non si trascurò neppure l'esplorazione dei grandi territori dell'Asia centrale e meridionale.

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo subito sui tuoi social preferiti!!

I primi grandi viaggi di esplorazione

I viaggi di esplorazione

Spinto da ragioni commerciali ed economiche, oltre che militari e politiche, l'uomo ha scritto la storia delle esplorazioni geografiche. I mercanti egizi si spinsero nella Nubia, risalendo il corso del Nilo, poi nella Penisola del Sinai e in Siria. Per motivi quasi esclusivamente commerciali, anche i Fenici si spinsero nell'Atlantico, fondando Gadir, Cadice.

Vai all'Articolo

La conoscenza dell'Africa e dell'Asia

La graduale conoscenza dell'Africa e dell'Asia

Il cuore dell'Africa fu esplorato, insieme all'Australia, tra il diciottesimo e il diciannovesimo secolo. Lo scozzese Mungo Park, il tedesco Heinrich Barth e l'inglese Richard Lander sono soltanto alcuni dei primi nomi da citare tra i suoi primi esploratori.

Vai all'Articolo

Le Esplorazioni

Le esplorazioni che hanno portato alla scoperta di terre ignote all'uomo grazie a esploratori come Cristoforo Colombo, Marco Polo, Amerigo Vespucci e Vasco da Gama.

Da secoli e secoli l'uomo va alla ricerca di nuovi Paesi per motivi militari, economici, politici e scientifici: nel secondo millennio a.C. i Fenici si spinsero sino alla Spagna e all'Africa, nel quinto secolo a.C. il cartaginese Annone guidò una spedizione che portò fino al Golfo di Guinea. Grazie ad Alessandro Magno si ebbero conoscenze geografiche dell'Asia.

Vai all'Articolo

I Viaggi degli Esploratori

I viaggi degli esploratori

All'epoca dei Romani e dei Greci era quasi impensabile riuscire a conoscere territori lontani da quelli in cui essi avevano le proprie radici; il campo delle conoscenze si ampliò solamente con le prime esplorazioni: Alessandro Magno, per esempio, arrivò nel Nord dell'India spingendosi addirittura fino all'Asia centrale  e dunque verso quello che allora era ritenuto l'ignoto.

Vai all'Articolo

Le Scoperte degli Esploratori

Le scoperte degli esploratori

Sul finire del Duecento Marco Polo ebbe il merito di farci conoscere l'Estremo Oriente per mezzo del suo lungo viaggio intrapreso alla volta dell'Asia (rimase in questi territori per più di quindici anni, in seguito ai quali ritornò a Venezia); Bartolomeo Diaz, circa duecento anni più tardi, cominciò i suoi primi viaggi passando per il Sud delle coste africane fino a doppiare Capo di Buona Speranza, in Sudafrica, nonchè estremità meridionale della Penisola del Capo.

Vai all'Articolo

Vuoi contattarci?

Per chiarimenti, per ricevere ulteriori informazioni o richieste, o per comparire nelle pagine del nostro sito non esitare a contattarci.

Video

I nostri Portali

SITI.IT

I migliori siti per categoria

PIAZZE.IT

Il Portale dei Comuni Italiani

FOOD.IT

L'eccellenza a tavola

NAVIGARE FACILE .IT

Risorse e Portali Web

esploratori.it

Informazioni, approfondimenti e curiosità

esploratori.it

Compila il modulo per contattarci

051 267600

Il tuo messaggio è stato inviato! Vi risponderemo nel più breve tempo possibile
Errore!! messaggio NON inviato
Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy resa ai sensi dell'Art. 13 Regolamento Europeo 2016/679, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali, per le finalità ivi indicate finalizzate alla corretta esecuzione delle obbligazioni contrattuali
Dichiaro di essere maggiorenne secondo la normativa vigente nello stato a cui appartiene il fornitore del servizio